Libro IV - "Delle obbligazioni"

 -  -

Il pagamento deve essere fatto al creditore o al suo rappresentante, ovvero alla persona indicata dal creditore o autorizzata dalla legge o dal giudice a riceverlo.
Il pagamento fatto a chi non era legittimato a riceverlo libera il debitore, se il creditore lo ratifica o se ne ha approfittato.

Titolo I: Delle obbligazioni in generale

Il debitore che esegue il pagamento a chi appare legittimato a riceverlo in base a circostanze univoche, e'liberato se prova di essere stato in buona fede.
Chi ha ricevuto il pagamento e'tenuto alla restituzione verso il vero creditore, secondo le regole stabilite per la ripetizione dell'indebito.

Titolo I: Delle obbligazioni in generale

Il pagamento fatto al creditore incapace di riceverlo non libera il debitore, se questi non prova che cio'che fu pagato e'stato rivolto a vantaggio dell'incapace.

Titolo I: Delle obbligazioni in generale

Il debitore che ha eseguito la prestazione dovuta non puo'impugnare il pagamento a causa della propria incapacita'.

Titolo I: Delle obbligazioni in generale

Il debitore non puo'impugnare il pagamento eseguito con cose di cui non poteva disporre, salvo che offra di eseguire la prestazione dovuta con cose di cui puo'disporre.
Il creditore che ha ricevuto il pagamento in buona fede puo'impugnarlo, salvo il diritto al risarcimento del danno.

Titolo I: Delle obbligazioni in generale