Libro III - "Della proprieta'"

 -  -

Quando piu'terreni contigui e inferiori alla minima unita'colturale appartengono a diversi proprietari, puo', su istanza di alcuno degli interessati o per iniziativa dell'autorita'amministrativa, essere costituito un consorzio tra gli stessi proprietari, allo scopo di provvedere a una ricomposizione fondiaria idonea alla migliore utilizzazione dei terreni stessi.
Per la costituzione del consorzio si applicano le norme stabilite per i consorzi di bonifica.

Titolo II: Della proprietà

Il consorzio indicato dall'articolo precedente puo'predisporre il piano di riordinamento .
Per la migliore sistemazione delle unita'fondiarie puo'procedersi a espropriazioni e a trasferimenti coattivi; puo'anche procedersi a rettificazioni di confini e ad arrotondamento di fondi.

Titolo II: Della proprietà

Dai trasferimenti coattivi previsti dall'articolo precedente sono esclusi:
l) gli appezzamenti forniti di casa di abitazione civile o colonica;
2) i terreni adiacenti ai fabbricati e costituenti dipendenze dei medesimi;
3) le aree fabbricabili;
4) gli orti, i giardini, i parchi;
5) i terreni necessari per piazzali o luoghi di deposito di stabilimenti industriali o commerciali;
6) i terreni soggetti a inondazioni, a scoscendimenti o ad altri gravi rischi;
7) i terreni che per la loro speciale destinazione, ubicazione o singolarita'di coltura presentano caratteristiche di spiccata individualita'.

Titolo II: Della proprietà

Nei trasferimenti coattivi le servitu'prediali sono abolite, conservate o create in relazione alle esigenze della nuova sistemazione.
Gli altri diritti reali di godimento sono trasferiti sui terreni assegnati in cambio e, qualora non siano costituiti su tutti i terreni dello stesso proprietario, sono trasferiti soltanto su una parte determinata del fondo assegnato in cambio, che corrisponda in valore ai terreni su cui esistevano.
Le ipoteche che non siano costituite su tutti i terreni dello stesso proprietario sono trasferite sul fondo di nuova assegnazione per una quota corrispondente in valore ai terreni su cui erano costituite. In caso di espropriazione forzata dell'immobile gravato da ipoteca su una quota, l'immobile e'espropriato per intero e il credito e'collocato, secondo il grado dell'ipoteca, sulla parte del prezzo corrispondente alla quota soggetta all'ipoteca medesima.

Titolo II: Della proprietà

Il piano di riordinamento dev'essere preventivamente portato a cognizione degli interessati, e contro di esso e'ammesso reclamo in via amministrativa, nelle forme e nei termini stabiliti da leggi speciali.
Il provvedimento amministrativo di approvazione definitiva del piano dev'essere trascritto presso l'ufficio dei registri immobiliari nella cui circoscrizione sono situati i beni .

Titolo II: Della proprietà