Libro II - "Delle successioni"

 -  -

Chi e'incorso nell'indegnita' e'ammesso a succedere quando la persona, della cui successione si tratta, ve lo ha espressamente abilitato con atto pubblico o con testamento.
Tuttavia l'indegno non espressamente abilitato, se e stato contemplato nel testamento quando il testatore conosceva la causa dell'indegnita', e'ammesso a succedere nei limiti della disposizione testamentaria .

Titolo I: Disposizioni generali sulle successioni

La rappresentazione fa subentrare i discendenti legittimi o naturali nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi non puo'o non vuole accettare l'eredita'o il legato.
Si ha rappresentazione nella successione testamentaria quando il testatore non ha provveduto per il caso in cui l'istituito non possa o non voglia accettare l'eredita'o il legato, e sempre che non si tratti di legato di usufrutto o di altro diritto di natura personale.

Titolo I: Disposizioni generali sulle successioni

La rappresentazione ha luogo, nella linea retta a favore dei discendenti dei figli legittimi, legittimati e adottivi, nonche'dei discendenti dei figli naturali del defunto e, nella linea collaterale, a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto.
I discendenti possono succedere per rappresentazione anche se hanno rinunziato all'eredita'della persona in luogo della quale subentrano, o sono incapaci o indegni di succedere rispetto a questa.

Titolo I: Disposizioni generali sulle successioni

La rappresentazione ha luogo in infinito, siano uguali o disuguali il grado dei discendenti e il loro numero in ciascuna stirpe.
La rappresentazione ha luogo anche nel caso di unicita'di stirpe.
Quando vi e'rappresentazione la divisione si fa per stirpi.
Se uno stipite ha prodotto piu'rami, la suddivisione avviene per stirpi anche in ciascun ramo, e per capi tra i membri del medesimo ramo.

Titolo I: Disposizioni generali sulle successioni

L'eredita'puo'essere accettata puramente e semplicemente o col beneficio d'inventario.
L'accettazione col beneficio d'inventario puo'farsi nonostante qualunque divieto del testatore.

Titolo I: Disposizioni generali sulle successioni