Libro I - "Delle persone e della famiglia"

 -  -

I beni della persona giuridica, che restano dopo esaurita la liquidazione, sono devoluti in conformita'dell'atto costitutivo o dello statuto.
Qualora questi non dispongano, se trattasi di fondazione, provvede l'autorita'governativa, attribuendo i beni ad altri enti che hanno fini analoghi, se trattasi di associazione, si osservano le deliberazioni dell'assemblea che ha stabilito lo scioglimento e, quando anche queste mancano, provvede nello stesso modo l'autorita'governativa.
I creditori che durante la liquidazione non hanno fatto valere il loro credito possono chiedere il pagamento a coloro ai quali i beni sono stati devoluti, entro l'anno della chiusura della liquidazione, in proporzione e nei limiti di cio'che hanno ricevuto

Titolo II: Delle persone giuridiche

Nel caso di trasformazione o di scioglimento di un ente, al quale sono stati donati o lasciati beni con destinazione a scopo diverso da quello proprio dell'ente, l'autorita'governativa devolve tali beni, con lo stesso onere, ad altre persone giuridiche, che hanno fini analoghi.

Titolo II: Delle persone giuridiche

abrogato

Titolo II: Delle persone giuridiche

abrogato

Titolo II: Delle persone giuridiche

Gli amministratori e i liquidatori che non richiedono le iscrizioni prescritte dagli articoli 33 e 34, nel termine e secondo le modalita'stabiliti dalle norme di attuazione del codice sono puniti con l'ammenda da euro 10 a euro 516.

Titolo II: Delle persone giuridiche