Disposizioni per l attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie

 -  -

Quando e'disposta la liquidazione generale del patrimonio dell'ente si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni degli articoli 201, 207, 208, 209, 210, 212 e 213 del Regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, salve le disposizioni seguenti.

I termini, che secondo le disposizioni richiamate nell'articolo precedente. decorrono dalla data del provvedimento di liquidazione o di nomina dei liquidatori o dalla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, decorrono dalla data in cui e'stato annotato nel registro il provvedimento che dispone la liquidazione generale della persona giuridica ai sensi del precedente articolo 14.

La pubblicita'del provvedimento che ordina la liquidazione e del bilancio finale di liquidazione si attua mediante annotazione nel registro delle persone giuridiche a cura dei liquidatori. Nei casi in cui le norme richiamate nell'articolo 16 richiedono il deposito di atti nella cancelleria del tribunale, il deposito si deve effettuare presso la cancelleria in cui e'tenuto il registro delle persone giuridiche.

Le attribuzioni, che secondo le norme sulla liquidazione coatta amministrativa sono demandate all'autorita'che ha nominato il liquidatore, spettano al presidente del tribunale.

Chiusa la liquidazione, il presidente del tribunale ordina la cancellazione dell'ente dal registro delle persone giuridiche.
Il provvedimento di cancellazione e'annotato d'ufficio nel registro a cura della cancelleria del tribunale.